bollette si possono scaricare nel modello 730 bollette si possono scaricare nel modello 730

Le bollette si possono scaricare nel 730: la procedura che pochi contribuenti conoscono e che fa risparmiare moltissimo

Con quel che costano oggigiorno le utenze, tutti vorrebbero “scontare” le bollette dalle tasse da pagare. Ecco quando è possibile.

Si avvicina il momento della predisposizione di tutti i documenti fiscali relativi al 2023, utili alla prossima dichiarazione dei redditi. Tra i tanti dubbi e interrogativi su cui si arrovellano i contribuenti italiani (e i loro consulenti), ce n’è uno che merita particolare attenzione.

bollette si possono scaricare nel modello 730
I contribuenti italiani hanno la possibilità, a determinate condizioni, di portare in detrazione le bollette. (giornodopogiorno.eu)

Le bollette si possono scaricare nel Modello 730? Ecco la risposta definitiva. Partiamo dalla notizia cattiva. Le famiglie purtroppo non possono usufruire di sconti fiscali per le spese relative alle bollette energetiche: le somme versate, comprensive di varie imposte come accise e Iva, non sono deducibili dalle tasse. Ma altre tipologie di contribuenti possono risparmiare eccome “scontando” dalle imposte anche questo tipo di spesa. Vediamo nel dettaglio come funziona.

La guida alla deduzione delle bollette nel 730

La possibilità di portare in detrazione le bollette delle varie utenze è riservata ai professionisti autonomi e alle aziende. Ma solo se aderiscono al regime fiscale ordinario (e non al forfettario). Si tenga presente che i clienti business sono sottoposti a un’aliquota IVA più elevata (ovvero del 22%) rispetto a quella generalmente applicata ai consumatori domestici, pari al 10%, a parità di costi dell’energia.

bollette si possono scaricare nel modello 730
Le bollette che possono essere scaricate nel 730 devono riguardare solo ed esclusivamente la fornitura di energia destinata a scopi produttivi: escluse quella per uso domestico. (giornodopogiorno.eu)

Se sussistono i requisiti appena descritti, si può usufruire di una detrazione del 50% delle spese sostenute per le utenze. Il riferimento è alle bollette per l’elettricità, il gas, il telefono fisso e/o mobile e le spese per la rete wi-fi. Ma solo se il contribuente interessato non possiede un altro immobile adibito all’esercizio della sua attività professionale nello stesso comune.

Da sottolineare, poi, che le bollette scaricabili nel 730 devono riguardare solo ed esclusivamente la fornitura di energia destinata a scopi produttivi (e non per uso domestico). E se se il professionista lavora da casa, o è in smart working “fisso”?

In questo caso, tutt’altro che infrequente dopo la pandemia di Covid-19, ci sono diverse condizioni da rispettare per poter dedurre (ma solo per il 50%) le bollette nel 730: non avere altri luoghi di lavoro e aver stipulato un contratto business. Non è tutto: ai fini della detrazione della bolletta, è di fondamentale importanza indicare nell’intestazione la partita Iva dell’utente.

Impostazioni privacy